Intervista a Daniela di Celidonia Studio

celidonia

1) Chi è Daniela Messina? 

Chi sono? Bella domanda! Me lo chiedo anche io da molti anni! 😀 Non ho fatto studi artistici ma scientifici, ho studiato Chimica all’università, ma ho smesso di far esplodere laboratori e ho finito col diplomarmi alla scuola di fumetto molti anni or sono. Per quanto riguarda l’handmade, ho iniziato come tutti i bambini: modellando la sabbia in riva al mare. Ora è cambiato il mezzo, uso la pasta sintetica, ma lo spirito è lo stesso: scoprire il mondo con gioia attraverso l’espressione di se.

2) Ti va di raccontarci un po’ l’universo che c’è dietro Celidonia Studio?

Ci sono tutti gli amici incontrati nel cammino. Se non avessi vissuto con una Coniglia meravigliosa, che è stata mia musa e maestra, ora non ci sarebbero i Coniglietti di Celidonia. Se non avessi fatto da balia a un Topino dei Boschi orfano, i Topini di Celidonia non sarebbero così come li conoscete. Tutte le Fate, le creature fantastiche e i piccoli gioielli vengono dalla frequentazione dei Boschi, dal mio amore per la Natura e per le cose selvatiche. E da una sindrome di Peter Pan galoppante!

immagine1

3) Cosa sono le paste polimeriche e da quanto tempo le utilizzi?

Le paste polimeriche sono delle paste sintetiche termoindurenti, cioè che induriscono in modo irreversibile se portate a una temperatura di circa 130°C (può variare di qualche grado a seconda della marca). Sono nate negli anni ‘30 in Germania come materiale sostitutivo della porcellana per la creazione delle bambole d’artista, ma si sono ben presto evolute nelle più varie applicazioni, dai bijoux ai complementi d’arredo. Ho approfondito la storia e le caratteristiche di questa pasta, in contrapposizione alla ceramica classica, nel post Argilla vs Pasta Sintetica sul mio blog. Le utilizzo da oltre vent’anni.

4) Come pianifichi e organizzi il tuo lavoro creativo? Ti muovi step by step, pianificando il lavoro giornaliero, oppure no?

La sera prima di andare a dormire scrivo sempre una scaletta delle cose da fare il giorno seguente, dividendo il lavoro tra modellato e dollmaking, riprese, video editing, blog… Ma poi gli unici “step” che rispetto sono quelli dei corsi, dei workshop e delle fiere. Il resto si muove con una sua logica che cerco di controllare fallendo miseramente ogni volta! 😀

5) Una delle caratteristiche che salta subito all’occhio è la cura con cui realizzi i volti femminili. Hai dei riferimenti o un’ispirazione particolare?

Non ho riferimenti, mi faccio trasportare dall’emozione che voglio trasmettere, da un’immagine che ho in mente, che magari è il frutto di attimi vissuti in precedenza. Non so mai prima quel che nascerà, anche se parto da un’idea. È il personaggio che pian piano, nel corso del lavoro, nascendo si svela.

immagine2

6) Realizzi degli studi su carta prima di creare i tuoi personaggi o modelli direttamente la pasta?

Dipende dal lavoro che devo realizzare. Per le sculture più complesse parto sempre da uno studio del soggetto nelle tre dimensioni, per definire le proporzioni. Poi possono esserci tanti schizzi dell’idea. Che sempre, alla fine, pur racchiudendo tutti gli schizzi e gli studi, sarà ancora altro.

7) Quanto tempo impieghi generalmente per creare un tuo lavoro?

Può essere un mese o mezza giornata… dipende dalla complessità del progetto 🙂

8) Qual è, tra le tue creazioni, quella a cui sei più affezionata?

Sicuramente “Celidonia”, la mia prima bambola grande, che ho esposto al museo di Canneto sull’Oglio nel 2003. Potete vederla, insieme alle altre mie prime bambole, nel post come sono nate le Fate di Celidonia.

celidonia

9) Ci mostreresti come nascono i tuoi lavori?

Nel mio blog pubblico sempre i work in progress, ma potete curiosare tra i video tutorial nel canale YouTube di Celidonia Studio, presentati direttamente… dai Coniglietti e Topini di Celidonia 😀

10) Manderesti un saluto agli amici della Fabbrica dei Sogni?

Celidonia

You may also like

1 commento

  • Daniela, ha decisamente le mani fatate, l’ho scoperta grazie al canale youtube mentre ero alla ricerca di un tutorial per realizzare per l’appunto, una doll in pasta sintetica. Adoro la ricerca e la cura dei particolari che impiega nella realizzazione di ogni sua creazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.