Intervista a Crostate Parlanti

Da quando ho creato questo blog (esattamente nel 2012) ho avuto la possibilità di confrontarmi con tantissime realtà creative e artigianali. Ultimamente stanno nascendo progetti sempre più originali ed ambiziosi che si contraddistinguono per la loro identità ben definita. È questo il caso di Crostate Parlanti, un delizioso progetto culinario nato dalla mente di Daniela.
Sono rimasta incredibilmente colpita dai suoi scatti sui social, così ho scelto di scambiarci due chiacchiere per conoscere meglio il suo mondo.

Ciao Daniela, parlaci un po’ di te e del tuo progetto!

Ciao Fabbricanti di Sogni! Mi chiamo Daniela. Sono nata e cresciuta a Roma, ma vivo ad Amsterdam, con i miei due bimbi e il loro papà. Adoro viaggiare: non solo con lo zaino in spalla, ma anche con la fantasia. Mi piace leggere: tra i miei libri preferiti c’è Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry che colleziono in tutte le lingue e dialetti. Ho una passione per il running e per la cucina: nel rispetto della piramide alimentare dell’Oms, scrivo ricette e pensieri liberi sul mio blog Impasta Sogni

Come nasce il progetto crostate parlanti?

Nasce senza rendersene conto, da una prima crostata sfornata per gioco in un pomeriggio di circa un anno fa, inconsapevole che sarebbe stata seguita da altre Crostate Parlanti. Senza l’ambizione di essere un progetto e senza la concreta consapevolezza che potrebbe diventarlo. Nasce dalla fusione della mia passione per la frolla e del desiderio di divertirmi e raccontarmi. Ogni fetta di crostata rivela un pò di me.

Cosa raccontano le tue crostate? Che messaggi mandano?

Le mie crostate mi rappresentano molto. Sono delle giocarellone, amano il lato ludico, romantico e a volte riflessivo, ma mai troppo serioso, dei social network. Mandano messaggi di gratitudine; raccontano di sogni che si realizzano, o che non smettono mai di voler uscire dal cassetto; donano voce a pensieri d’amore, per noi stessi e per gli altri. Ma soprattutto, le crostate si divertono a diventare quello non ci si aspetterebbe da una crostata: amano sorprendere e strappare un sorriso a chi le guarda a colazione.

(questo post l’ha realizzato Daniela in collaborazione col mio profilo artistico @art_of_alessandraloreti, come potete notare dalle illustrazioni sullo sfondo)

Qual è la soddisfazione più grande che hai avuto finora da questo progetto?

La soddisfazione più grande la ricevo ogni volta che sotto una crostata che condivido leggo commenti tipo “Ogni volta che vedo una tua crostata mi strappi un sorriso!” e per me è una gioia.

Mostraci le 3 crostate più romantiche

E le 3 più divertenti

Qual è il futuro di Crostate Parlanti?

Spero di tornare a raccontarvelo, perchè al momento le Crostate Parlanti vivono alla giornata, assecondando il mio gioco e dando voce ai miei pensieri.

Manderesti un saluto ai lettori della Fabbrica dei Sogni?

Vi ringrazio per aver ospitato le Crostate Parlanti nella Fabbrica dei Sogni, saluto tutti i sognatori che ogni giorno vi leggono e a cui oggi voglio offrire la colazione 🙂

Ringraziando tantissimo Daniela per il tempo che ci ha dedicato, vi lascio i suoi recapiti per poterla trovare online. 🙂
Concludo l’articolo con la seconda collaborazione che ho avuto la fortuna di intraprendere con Daniela. La crostata parlante di “Quel desiderio che sa di cielo” con la frase Ti cercavo per ritrovarmi.


CROSTATE PARLANTI SUL WEB:

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.