Disegnare come gli artisti del surrealismo

Con il surrealismo ci avviciniamo alla fine della nostra rubrica “il disegno nella storia“.
Nel 1924 il medico, poeta e letterato francese André Breton, pubblicò il manifesto del Surrealismo che riportava queste parole:

Il Surrealismo si fonda sull’idea di un grado di realtà superiore connesso a certe forme d’associazione finora trascurate, sull’onnipotenza del sogno, sul gioco disinteressato del pensiero. Tende a liquidare definitivamente tutti gli altri meccanismi psichici e a sostituirsi ad essi nella risoluzione dei principali problemi della vita.”

Fortemente influenzati dalle teorie psicanalitiche di Sigmund Freud, i surrealisti erano interessati ad esplorare e rappresentare la dimensione dell’inconscio e del sogno.

Nonostante i punti comuni che rendevano riconoscibile il surrealismo, era possibile suddividere gli artisti di questa corrente in due filoni distinti:
uno più figurativo e realistico, che comprendeva artisti come Dalì e Magritte
l’altro più astratto e concettuale con esponenti come Mirò e Masson

Ma quali erano queste caratteristiche comuni del surrealismo? Vediamole insieme!

Punti chiave del surrealismo

  • Dislocazione. Uno dei principali punti distintivi della pittura surrealista è la dislocazione, ovvero il posizionamento di elementi in ambienti diversi a quelli a cui solitamente appartengono.
  • Accostamenti inusuali. Un altro carattere distintivo è quello che vede la combinazione di elementi che solitamente non vengono accostati tra di loro.
  • Grandezze insolite: Per modificare e alterare la percezione della realtà, i surrealisti giocano con le dimensioni degli elementi, rendendoli molto più grandi o molto più piccoli di quanto non siano solitamente.
  • Simboli e illusioni ottiche: Le illusioni ottiche e i simboli hanno per i surrealisti lo scopo di aggiungere ulteriori significato alle immagini rappresentate.

In questo articolo realizzeremo insieme un’illustrazione nello stile del surrealismo partendo da una specifica parola chiave “VIAGGIO“.

Iniziamo subito con lo sketch!

Disegnare come gli artisti surrealisti: lo sketch

Prendendo ispirazione dal variegato repertorio surrealista, iniziamo a rappresentare uno dei soggetti più comuni nel surrealismo: un paesaggio. In questo caso, l’ambientazione sarà la metafora del nostro viaggio.
Utilizzando le ombre delle montagne, creeremo l’illusione di un volto di profilo.
Tracciamo lo sketch con un colore molto leggero perché, successivamente, andremo a coprirlo con il colori.

sketch pt 1
sketch pt 2

Poiché il viaggio simboleggia un percorso di crescita e cambiamento, rappresentiamo questo concetto integrando il simbolo della farfalla che, insieme alla luna, andrà a completare il nostro profilo.

A questo punto non ci resta che aggiungere il nostro personaggio all’inizio del suo viaggio… Ed ecco lo sketch pronto!

Disegnare come gli artisti del surrealismo: sketch
Disegnare come gli artisti del surrealismo: sketch

I colori

Non avendo individuato una palette specifica per il surrealismo, ci atteniamo agli accostamenti più idonei per il soggetto rappresentato.
Iniziando dal colore di sfondo del cielo, creiamo una sfumatura lineare.

colore pt 1

Riempiamo con i colori di base i principali elementi della scena, nello specifico le montagne, le nuvole e il personaggio in primo piano.

colore pt 2

Procediamo rimuovendo la lineart e aggiungendo le ombre delle montagne. Se lavoriamo in tradizionale, possiamo andare a coprire semplicemente le linee di costruzione utilizzando il colore.

colore pt 3


Adesso che i colori di base sono stati creati, dedichiamoci ai dettagli.
Aggiungiamo quindi alcune variazioni di colore, sfumature e texture.

Infine, per conferire profondità al paesaggio, ritocchiamo i colori intensificandoli.
Et voilà, ecco qui la nostra illustrazione in stile surrealista.

Disegnare come gli artisti del surrealismo: definitivo
Disegnare come gli artisti del surrealismo: definitivo

Ora tocca a te!
Se vuoi metterti alla prova con le idee proposte sul sito, iscriviti al nostro gruppo Facebook cliccando qui oppure scopri gli altri articoli per la serie disegno nella storia.