Nina sogna di volare, al Pop-Up Festival

Il desiderio più grande di Nina è quello di poter volare.
Luca vorrebbe nuotare nel mare insieme alle mante e le meduse.
Elena, invece, sogna di essere un’indiana d’America. Vorrebbe imparare a comprendere di più gli animali e il loro mondo.

Ecco cosa succede quando ci avviciniamo all’universo dei bambini: ci affacciamo spontaneamente a nuove realtà e accarezziamo quegli stessi sogni che una volta costellavano il nostro cammino. È un universo di colori, frasi semplici, sorrisi che si dischiude in tutta la sua meraviglia per chiunque sia pronto ad accoglierlo.
Per questo motivo ieri durante il Pop-Up Festival, l’evento dedicato ai bambini, abbiamo avuto la possibilità di cogliere ed accogliere. Cogliere sfumature, sensazioni, idee ed accogliere l’esigenza di ciascun bambino di comunicare e dar voce al proprio io, attraverso le emozioni.

L’evento, ideato da Six Seconds ed organizzato in questa sede dal team di CoachUrself, nasce in occasione della giornata mondiale dei diritti dei bambini: un’opportunità in più per avvicinare grandi e piccini al tema dell’intelligenza emotiva. Nella cornice della galleria d’arte Würth di Capena si sono svolte tantissime attività creative che hanno coinvolto bambini di tutte le età.

Nella mia postazione abbiamo creato tante medaglie dell’amicizia. Ogni bambino ha scelto di dedicare un premio d’onore ad una persona speciale. C’è chi l’ha dedicata all’amica del cuore, chi al compagno di calcetto, chi alla mamma. Poi c’è qualcuno che alla domanda “A chi vogliamo dedicare la medaglia dell’amicizia?” ha risposto, senza esitazione, “Luca!”, il protagonista del suo libro preferito, una lettura che lo accompagna tutte le notti prima di andare a dormire.

Ci sono tante persone a cui poter dedicare una medaglia dell’amicizia e anche altrettanti motivi. D’altronde un vero amico, per essere definito tale, deve avere certi requisiti. Secondo Flaminia un’amica speciale è colei a cui puoi rivelare tutti i tuoi segreti (tutti tranne uno che proprio non si può!), per Matteo invece è quello che ti invita tutti i giorni a casa sua. Per il piccolo Leonardo è quella persona che ti ascolta quando ti senti solo e nessuno sta a sentirti.

C’è un po’ di imbarazzo nell’esternare a voce alta le qualità di quest’amico speciale, ma poi il loro sguardo si illumina e immaginano già cosa dirà l’altro trovandosi davanti un dono così prezioso accompagnato dalla scritta “ti voglio bene“. Brando si sente effervescente, ed è il suo modo personale per esprimere felicità mista ad esaltazione. È un’emozione tutta verde, come il colore delle bottiglie dell’acqua frizzante. La sua medaglia dell’amicizia è dedicata al fratello più piccolo; non sa cosa farebbe senza di lui!
La realizza in fretta per non farsi vedere e mantenere viva la sorpresa.

Poi, con la sua medaglia in mano e un sorriso grandissimo disegnato in volto, ci saluta e si sposta ad un’altra postazione. È pronto per mettersi nuovamente in gioco, con tutta la sua contagiosa effervescenza.

 

 

5.00 avg. rating (98% score) - 1 vote

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *