“Les voisins musiciens” (Junko Shibuya)

2 anni fa, a Parigi, in una grande libreria del centro ho avuto la fortuna di imbattermi nel libro di Junko Shibuya “Les voisins musiciens”. Questo libro ha la caratteristica di non avere parole; comunica solo con immagini e colori. È la storia di un’amicizia che nasce per mezzo della musica, di una passione che accomuna due bambini i quali, unendo la loro arte, riescono a creare qualcosa di totalmente nuovo. Si parla di emozioni, di amicizia, di sogni, ma senza l’utilizzo di parole. L’intensità cresce con l’aumentare dei colori che simboleggiano la forza dei vari momenti. Sembra quasi di riuscire a sentire il suono crescente del violino o la delicata melodia del pianoforte, intrecciati in un’unica espressione creativa. Si parla quindi di unione e dell’incredibile forza della cooperazione. Poche pagine, nessuna parola, per una storia ricca di fantasia ed emozioni. Consigliatissimo!

   

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *