“LA BAMBINA DEI LIBRI” ( di Oliver Jeffers e Sam Winston)

Ho pensato molto a cosa scrivere a proposito di questo libro.
È un testo diverso dal solito, non racconta una storia specifica, ma si propone piuttosto di accompagnare i bambini alla scoperta del mondo della letteratura. È un libro in cui le parole diventano parte integrante delle illustrazioni, in cui i grandi classici fanno da sfondo ad una trama semplice, usata principalmente come pretesto per fare un excursus nella storia della letteratura per ragazzi.

Gli autori, Jeffers e Winston, integrano così nel libro i loro racconti preferiti dell’infanzia, inserendo alcune citazioni e creando  un interessante gioco visivo tra testo e immagini.

Le parole diventano così mare, strada, cielo e nuvole per dare forma ad un mondo tutto nuovo dove la fantasia non conosce limiti. È proprio in questo universo d’immaginazione che la piccola bambina blu conduce i bambini che hanno voglia di leggere, sognare, innamorarsi di una storia, riscoprendo in quest’avventura tanti mondi inesplorati.

Le illustrazioni catturano il lettore e riescono a muoversi così bene nel testo da rendere ogni pagina una piccola opera d’arte.
Quest’anno “la bambina dei libri” ha anche vinto il prestigioso premio dell’editoria infantile Bologna Ragazzi Award for Fiction.


Accertata l’indiscussa bellezza ed originalità dell’opera voglio comunque fare una considerazione. Ammetto che questo libro non mi ha conquistata totalmente.
Mi aspettavo qualcosa di più dalla storia; sebbene il messaggio sia importante e assolutamente condivisibile viene proposto in un modo a mio avviso fin troppo semplice, che non lascia segno nel lettore. Per questo motivo credo sia un libro più da vedere che da leggere. Un piccolo gioiello da sfogliare all’occorrenza quando si è in cerca di ispirazione.
Un progetto artisticamente ambizioso, ma che forse trova più riscontro tra i grandi che tra i piccoli lettori.


P.S.: Se avete dei bambini che hanno letto questo libro, fateci sapere con un commento qual è stato il loro feedback. Sono molto curiosa al riguardo.

Articolo realizzato in collaborazione con

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *